Telegram: la vigilanza europea passa al BIPT belga

Il Belgio assume un ruolo centrale nel controllo dei contenuti su Telegram per tutta l’Unione Europea. Il BIPT (l’Istituto belga per le poste e le telecomunicazioni) è stato infatti nominato autorità di vigilanza per l’app di messaggistica, in seguito al suo recente trasferimento della sede legale a Bruxelles, imposto dal Digital Services Act (DSA).

Maggiori poteri di controllo per le autorità europee

Questa nomina rappresenta un passo importante per rafforzare la supervisione dei contenuti online e la tutela degli utenti in Europa. In base al Digital Services Act (DSA), le piattaforme digitali come Telegram sono ora obbligate a designare un rappresentante legale all’interno dell’UE e a rispettare norme più rigorose sulla moderazione dei contenuti.

Come funziona la vigilanza del BIPT

Il BIPT avrà la facoltà di ricevere e gestire le segnalazioni di contenuti illegali o dannosi presenti su Telegram da parte di cittadini e organizzazioni di tutta Europa. In caso di mancato rispetto da parte della piattaforma, il BIPT potrà adottare sanzioni, tra cui multe e persino il blocco dell’accesso al servizio.

Un passo avanti per la sicurezza online in Europa

L’assegnazione del ruolo di vigilanza al BIPT per Telegram è vista come un passo positivo per la sicurezza online in Europa. L’app, infatti, è stata spesso utilizzata per diffondere contenuti estremisti, incitamento all’odio e materiale illegale.

Con il DSA e la nomina del BIPT come autorità di vigilanza, le autorità europee avranno finalmente gli strumenti necessari per contrastare la diffusione di contenuti dannosi su Telegram e per tutelare i cittadini“, ha commentato Mathias Vermeulen, consulente dell’agenzia per la sicurezza e la privacy digitale Awo.

Cosa significa per gli utenti

Per gli utenti di Telegram in Europa, questo cambiamento significa che avranno un canale diretto per segnalare contenuti illegali o inappropriati alla piattaforma e per richiedere che vengano rimossi.
Supponiamo che qualcuno nei Paesi Bassi o in un altro Stato membro inciti alla violenza contro una sinagoga o una moschea e che si scopra che Telegram non ha fatto nulla, in quel caso si potrà presentare un reclamo al Bipt“, ha commentato Mathias Vermeulen di Awo, un’organizzazione per la sicurezza e la privacy digitale. “Questo principio si applicherà a tutte le persone o istituzioni tra Lisbona e Helsinki che identificheranno la presenza di contenuti illegali su Telegram“, aggiunge Vermeulen.

Inoltre, la vigilanza del BIPT dovrebbe contribuire a ridurre la presenza di tali contenuti sulla piattaforma, rendendo Telegram un ambiente più sicuro per tutti gli utenti.

Conclusione

Per il momento questo è tutto. Attendiamo le vostre impressioni nei commenti qui sotto.

Noi come al solito, vi aspettiamo sul nostro canale ufficiale su Telegram, ma anche nel supergruppo InsideTelegramLab e nel canale InsiDevCode.
Non dimenticatevi del canale InsideBind dove potete trovare nuovi bot, canali e gruppi Telegram con cui potete interagire. Puoi anche sostenere questo progetto con un caffè su Ko-fi.

About the author

Blogger e Sviluppatore, appassionato sin da piccolo dell’informatica e di tutta la tecnologia. Tra i progetti realizzati: http://www.insidevcode.eu/ e http://androidos-lab.it

4 Comments

  1. andrea 22 Maggio 2024 Reply
    • Flavius HaraborAuthor 22 Maggio 2024 Reply
  2. andrea 22 Maggio 2024 Reply
    • Flavius HaraborAuthor 22 Maggio 2024 Reply

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.