telegram 4.8 beta

Se avete scaricato e utilizzato fino ad oggi l’applicazione Teligram, avete fatto l’errore più grande della vostra vita. Non siamo noi di InsideTelegram a dirlo, ma direttamente la società Symantec.

Infatti la società di sicurezza informatica Symantec ha scovato all’interno di Google Play Store l’applicazione fake Teligram. L’applicazione all’interno dello Store di Google aveva il nome Teligram [NEW VERSION UPDATED], indicando alle persone come se questa versione di Telegram fosse una “nuova versione aggiornata”.

Teligram non è TelegramNon solo, la stessa Symantec ha scovato anche una seconda versione di Telegram, costruita utilizzando lo stesso codice in open source di quella originale e che veniva distribuita attraverso negozi alternativi per il robottino verde.

Fortunatamente per quello che rigurda Teligram [NEW VERSION UPDATED], non è più disponibile all’interno di Google Play Store, mentre per quello che riguarda l’altra app presente nei mercati alternativi si sta ancora lavorando per eliminarla definitivamente.

Sostanzialmente le due versioni fake di Telegram avevano la capacità di installare plugin per cliccare automaticamente sui banner pubblicitari e allo stesso tempo pare che avessero anche delle backdoor.

Conclusione:

Non è la prima volta che succedono cose di questo genere, infatti molte applicazioni in passato hanno subito lo stesso sfregio. Per esempio WhatsApp varie volte è stata presa di mira da malintenzionati, che hanno realizzato client alternativi che promettevano funzioni nuove e rivoluzionarie, ma che in realtà infettavano i dispositivi. Neanche Uber è scappato a questo tipo di azione, infatti la stessa Symantec qualche giorno fa ha segnalato di aver scovato un’applicazione fake di questo servizio che rubava i dati di login e non solo.

Come vi consigliamo spesso, è meglio stare alla larga da tutti questi clienti alternativi, prima di installarli andate a vedere se in rete ci sono siti autorevoli che segnalano e hanno provato questi client, consultare sempre il sito ufficiale dello sviluppatore e i blog ufficiali delle diverse società, dove i principali aggiornamenti vengono messi in evidenza.

Per quello che riguarda Telegram, esistono diverse comunità come per esempio Open Telegram Italia e il gruppo ufficiale della community Telegram Italia, che sono sempre disponibili a chiarire ogni dubbio sui vari client alternativi (ufficiali e non).

Noi ci fermiamo qui e ovviamente aspettiamo un vostro commento qui sotto con le vostre impressioni su questo fatto.

Come al solito, vi aspettiamo sul nostro canale ufficiale su Telegram, ma anche nel supergruppo InsideTelegramLab e nel canale InsiDevCode.

Teligram non è Telegram, anzi è un malware