Creare un canale Telegram ed alimentarlo automaticamente con un feed RSS

Scopriamo come aggiornare in automatico un canale su Telegram con il feed RSS del nostro blog

La buona riuscita di un’applicazione si nota soprattutto nel numero di utilizzatori, e in Telegram la riuscita si vede proprio nei 600 mila utenti che ogni giorno decidono di utilizzarla.

Un canale su Telegram offre la possibilità di notificare a tutti gli iscritti, con un messaggio diretto in modalità push, tutte le novità ed i link che condividerete aumentando quindi la possibilità di lettura da parte di più persone ad ogni nuovo post pubblicato. Se poi il canale si aggiornasse da solo alla pubblicazione di un nuovo articolo, allora il tutto sarebbe anche molto più comodo.

Vedremo, quindi, i passaggi per creare un nuovo canale, interfacciarlo con un bot, e fare in modo che tutti gli aggiornamenti di un feed rss vengano pubblicati automaticamente.

Creazione del bot

Se già non avete un bot e non sapete come farne uno, consiglio l’articolo Creare un bot di Benedetto Nespoli. La procedura è facile e semplice, e con un unico bot potete alimentare tutti i canali che volete.

Creazione del canale

  • Aprire Telegram
  • Aprire il menù sulla sinistra ed usare il comando Nuovo canale
  • Digitare il nome e la descrizione del canale e dare l’ok per crearlo

Dopo averlo creato, vi verrà chiesto se volete che sia un canale privato oppure un canale pubblico

  • Selezionate Pubblico, ovviamente, ed inserite il nick che servirà per identificarlo

Fate attenzione che se il link è composto con http://t.me/ilnomedeltuobot, automaticamente il suo nick sarà @ilnomedeltuobot

La creazione del canale è completata. A questo punto non ci resta che inserire come amministratore il nostro bot (cercandolo per nickname) con i permessi di scrittura, e teniamo tra le mani il suo token.

Interfacciare il flusso RSS con IFTTT.com

Andiamo su IFTTT.com, registriamo un nuovo account, e prepariamoci a creare una nuova applet per la pubblicazione automatica nel canale.

  • Clicchiamo sul nostro nick in alto a destra e selezioniamo New Applet
  • Cliccando su +this selezioniamo RSS Feed e successivamente New feed item
  • Inseriamo l’url del nostro feed rss e clicchiamo su Create trigger
  • Fatto questo, clicchiamo su +that, selezioniamo l’applicazione Webhooks, quindi Make a web requests

Dobbiamo a questo punto impostare la webrequest

canale telegram feed rss

inserire in URL

https://api.telegram.org/botILTOKENDELTUOBOT/sendMessage

Selezionare come metodo POST, Content type deve contenere application/x-www-form-urlencoded, e BODY deve contenere il valore

chat_id=@usernamedelcanale&text={{EntryUrl}}

Salvando l’applet questa si preoccuperà di pubblicare sul canale, in automatico, ogni aggiornamento del vostro Feed RSS.

È importante fare una precisazione

L’utilizzo del BODY con il metodo POST per il passaggio dei parametri nella request è FONDAMENTALE, in quanto con questo metodo la richiesta avrà tutti i parametri oscurati da IFTTT al BOT di telegram, ciò vuol dire che non ci saranno terzi in grado di intercettare la chiamata completa. Utilizzando invece il method GET, oppure andando ad “infilare” i parametri direttamente nel campo URL (come ho visto fare a molti), date la possibiltà a terzi di poter intercettare l’url completo della chiamata al vostro BOT. Funzionano entrambi i metodi, ma con l’utilizzo corretto del method POST si ottiene una chiamata precisa e corretta, con i parametri oscurati.

Riferimenti utili

label,

About the author

Fondatore e amministratore di Dummy-X dal 2007, condivido interessi, idee, progetti, e soluzioni informatiche. Non vendo prodotti, mi limito a descrivere tecnologie e a mettere a disposizione gli strumenti adatti per poter realizzare idee. Tutto ciò che scrivo è frutto della mia esperienza lavorativa e della mia voglia di imparare. Da sempre studio l'informatica in tutte le sue angolazioni (software, hardware, reti e sicurezza) e negli ultimi anni mi sono specializzato nello sviluppo di web applications. Sono sempre aperto a nuove sfide e alla ricerca e conoscenza delle nuove tecnologie.

3 Comments

  1. Christian Fabris 10 Ottobre 2017 Reply
    • Francesco 11 Ottobre 2017 Reply
  2. Ganfranco Gaggio 7 Febbraio 2018 Reply

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.